NEWS - SITO INTERNET CIVIS

Associazione per la tutela dei diritti dei cittadini
contatori blog gratis
Ferentino
Associazione per la tutela dei diritti dei cittadini
Vai ai contenuti

Menu principale:

"Se ti copiano vuol dire che sei bravo, se ti criticano vuol dire che sei intelligente, se ti attaccano è la prova che ti temono."
IN EVIDENZA



NEWS - EDITORIALI
12 Marzo 2019
Comunicato dell'associazione CIVIS di Ferentino

Accordo di Programma per SIN Bacino del fiume Sacco: ora bisogna pedalare

Civis esprime soddisfazione per la firma –tanto attesa- dell’Accordo di Programma fra Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio che consente l’avvio dei primi interventi di caratterizzazione e messa in sicurezza di n.11 siti contaminati e di una bonifica, ricadenti del perimetro del SIN Bacino del fiume Sacco definito con il DM 321/2016.

Rispetto agli otto interventi indicati dal Ministero dell’Ambiente nel Novembre del 2017, ne sono stati inseriti altri quattro: uno nel Comune di Ceccano, uno nel Comune di Paliano e due nell’area industriale di Colleferro.
Inoltre, in aggiunta alla nuova indagine ambientale su alcune parti delle fasce ripariali del fiume Sacco ed al monitoraggio dei pozzi e delle acque (già previsto fin dal Novembre 2017), fra le attività che l’Accordo dovrà attuare è stato inserito lo studio epidemiologico delle popolazioni residenti nella Valle del Sacco, studio che era stato approvato dalla Regione Lazio con la DGR n.228 del 16.05.2017 e che giaceva dimenticato nei cassetti dell’amministrazione regionale, nonostante tutti i solleciti, le istanze e le diffide delle associazioni di cittadini.

Qualche perplessità permane in merito al Comitato di indirizzo e controllo ed ai suoi poteri e strumenti tecnico-amministrativi; Comitato la cui composizione vede la presenza di Ministero, Regione, Arpa Lazio ed Ispra, rimanendone esclusi gli enti territoriali ovvero Comuni e Province che potranno intervenire solo nelle conferenze di servizi, senza possibilità di essere consultati ed informati sulle strategie e decisioni sugli interventi.
E manca ancora, seppure promesso nell’incontro nella sede della Provincia di Frosinone il 20 dicembre u.s., il “Protocollo Operativo per le Indagini Ambientali preliminari, strumento indispensabile per autorizzare gli interventi edilizi e produttivi che ricadono nel perimetro del SIN, e per dare uniformità e certezze temporali alle attività delle pubbliche amministrazioni e degli operatori privati dei settori economici coinvolti; il 20 Febbraio 2019 si è svolto un incontro tecnico presso il Ministero dell’Ambiente il cui esito non è noto, come non sono noti i tempi di emanazione del provvedimento.

L’AdP per il SIN Bacino del fiume Sacco è quell’impegno chiaro e formale che si attendeva da tempo; non è, però, il termine dell’azione ma solo l’inizio.
Ora è necessario realizzare gli interventi previsti ed il cronoprogramma degli stessi: le pubbliche amministrazioni coinvolte, i loro uffici ed i loro rappresentanti, in particolare la Regione Lazio quale soggetto attuatore, debbono “pedalare” -e tanto- per conseguire gli obiettivi fissati dall’AdP.
La nostra associazione continuerà a seguire costantemente l’iter delle bonifiche, come ha fatto fino ad oggi, e se sarà necessario insisterà con estrema determinazione per il rispetto degli impegni: nessun ulteriore ritardo è tollerabile.

Nell’elenco degli interventi finanziati e da avviare nei prossimi mesi è inserita la caratterizzazione e messa in sicurezza della ex Cartiera di Ferentino; è un risultato importante per raggiungere il quale l’associazione Civis ha collaborato con l’amministrazione comunale fin dal 2016.
Appena concluse le opere di risanamento del sito -che seguiremo attentamente partecipando al procedimento amministrativo- riproporremo il progetto di riutilizzo e recupero dell’area già illustrato pubblicamente nell’Aprile dello scorso anno (vedi link).
Infatti, il risanamento ambientale è solo una parte dell’azione che va svolta per i siti contaminati: occorre conseguire il recupero degli stessi ad usi pubblici o per attività private per attuare concretamente il rilancio del nostro territorio; con la ex Cartiera di Ferentino vogliamo creare un precedente virtuoso e replicabile.

Infine, togliamo un paio di sassolini dalle scarpe.

Subito dopo la firma dell’AdP e nei giorni successivi, abbiamo pensato che fossero tornati di moda il borsalino ed il panama, tanti erano “i cappelli” che una pletora di politici, amministratori e associazioni ha piazzato sul SIN Bacino del fiume Sacco e sui 53 milioni di euro per il finanziamento degli interventi.
Molti di coloro che hanno sfacciatamente rivendicato meriti inesistenti, non sanno cos’è un sito d’interesse nazionale per la bonifica.

Nessuno ha ringraziato chi, invece, ha una bella fetta del merito del risultato oggi conseguito:
-l’Ing. Laura D’Aprile, già dirigente della Divisione Bonifiche del MATTM, ed il suo staff sono coloro i quali in quattro anni di duro lavoro hanno definito il nuovo perimetro del SIN, hanno elaborato i primi interventi ricompresi dell’AdP e –in particolare- hanno attuato una consultazione con tutti gli stakeholder che mai prima di allora era stata svolta dal Ministero dell’Ambiente;
-l’Avv.Eugenio Monaco, già funzionario dell’Area Bonifiche della Regione Lazio, ed i suoi collaboratori, che hanno elaborato il perimetro del SIN, coordinato le attività di Comuni, Province e degli altri enti coinvolti (Autorità di Bacino, Arpa Lazio, ecc.).
Se tutte le associazioni dei cittadini, inclusa la nostra, hanno potuto partecipare alle conferenze di servizi, essere informate delle decisioni, interloquire con le pubbliche amministrazioni interessate, presentare osservazioni ed ottenere chiarimenti ed indicazioni, è merito dell’Ing. D’Aprile e dell’Avv.Monaco ai quali rinnoviamo i nostri ringraziamenti.

A proposito di consultazione e partecipazione -secondo sassolino- Civis è fortemente contraria al “metodo” con il quale è stata svolta, in limine alla firma dell’AdP, una consultazione sui contenuti dello stesso.
Sabato scorso 2 Marzo, ad una lista imprecisata di associazioni è stata indirizzata una mail con la bozza dell’AdP e con la richiesta di elaborare osservazioni entro le ore 20 del giorno successivo; osservazioni da inviare obbligatoriamente ad una associazione “capofila” e da sottoporre ad un assessore comunale il quale avrebbe provveduto “a vagliare il testo” ed a “redigere un documento di sintesi” da inviare al Ministero dell’Ambiente.
Inoltre, la bozza dell’AdP era messa a disposizione delle associazioni con alcune “inderogabili condizioni”, fra cui l’impegno a non divulgarla alla stampa; e come invece era facilmente prevedibile, il testo dell’AdP è stato poi pubblicato da diversi media e quotidiani.
Orbene, Civis non ha delegato alcun soggetto esterno al sodalizio per rappresentarla nei procedimenti inerenti il SIN Bacino del fiume Sacco e tantomeno in una fase così delicata come la stipula dell’AdP; né ha riconosciuto alcuna associazione o altri soggetti come “capofila” con il compito di guida e coordinamento.
Appare assai inopportuno un simile modo di procedere alla partecipazione legittimandolo con il solo fatto di aver richiesto al Ministero ed alla Regione la condivisione del testo dell’AdP.
Per evitare polemiche inutili e vista l’importanza di conseguire la stipula dell’Adp, non siamo intervenuti; laddove si verificasse nuovamente una così evidente distorsione dei ruoli e delle competenze, non esiteremo ad adire il giudice competente.

Ferentino,lì 12 Marzo 2019
Associazione CIVIS

16 FEBBRAIO 2019
Comunicato dell’Associazione Civis di Ferentino

Ampliamento della discarica di Roccasecca: per il MIBAC è “inaccettabile”

É bastata una sola parola ai rappresentanti del Ministero dei Beni Culturali, intervenuti alla riunione convocata mercoledì scorso presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per esperire il tentativo di superare il dissenso espresso dallo stesso MIBAC e da altre amministrazioni: la sopraelevazione della discarica è “inaccettabile”.
Inoltre, il MIBAC ha ribadito che la tutela del paesaggio è una sua prerogativa che la Regione non può ignorare o superare: ubi maior, minor cessat.

I sindaci dei Comuni presenti alla riunione (Roccasecca, San Giovanni Incarico, Colfelice e Castrocielo) hanno tutti espresso l’indisponibilità a trovare accordi che prevedono l’ampliamento della discarica; nessun compromesso è stato accettato.

Ed anche la Provincia di Frosinone ha confermato quanto aveva già rappresentato alla Regione Lazio: se proprio volete la sopraelevazione, la capacità della discarica deve essere riservata al fabbisogno di smaltimento della sola Provincia di Frosinone, niente più rifiuti da Roma.

Bisogna ricordare ai tanti smemorati che nel 2016, allorché la Regione Lazio avviò il procedimento per l’individuazione delle aree per nuovi siti di discarica, la nostra Provincia non aveva bisogno di altri impianti: la capacità della discarica di Roccasecca era -allora- di oltre 400.000 ton e sarebbe stata sufficiente a coprire il fabbisogno dei Comuni della Provincia di Frosinone almeno fino al 2024.
Poi arrivano i rifiuti romani, con punte di 900 tonnellate al giorno (50 TIR al giorno), ed in meno di tre anni la discarica si riempie.
L’amministrazione provinciale di Frosinone ha compreso il rischio e ha imposto la sua posizione, prima obbligando la Regione a ridurre il progetto da 750.000 ton a 187.000 ton, ed ora opponendosi ai conferimenti di rifiuti provenienti da fuori ATO i quali esaurirebbero in pochi anni ed ancora una volta, la nuova capacità dell’impianto.

Perché questo è il nodo, questo è il problema: la monnezza della Capitale, che rende incandescente il fascicolo che piomberà sul tavolo del Consiglio dei Ministri dopo il fallimento del tentativo di mediazione; Consiglio dei Ministri al quale è devoluta la decisione finale che non arriverà prima del prossimo Marzo.
La Regione Lazio ora, finalmente, ha scoperto del tutto le carte, lo ha messo per iscritto e dichiarato nella riunione: la discarica serve a Roma perché la capitale non ha impianti e non ne vuole.
Ma i poteri sostitutivi nei confronti di Roma? Il tavolo tecnico con il Ministero dell’Ambiente? L’autosufficienza degli ATO?
Pinzellacchere, “la provincia dell’impero” deve essere succube e farsi carico delle inadempienze altrui.
E nemmeno con l’alibi della “solidarietà”: cari ciociari, la monnezza ve la pigliate e zitti, altrimenti anche voi troverete le cataste per strada.

Però, sempre per gli smemorati già citati, sul sito della Regione Lazio campeggia ancora il comunicato stampa dell’Assessore Valeriani che dà notizia dell’accordo fra la SAF spa di Colfelice e Lazio Ambiente spa, gestore della discarica di Colleferro.
Per effetto dell’intesa la SAF spa potrà conferire nella discarica di Colle Fagiolara i rifiuti dei Comuni della Provincia di Frosinone fino a concorrenza della somma di 5 milioni di Euro, in pagamento del debito che l’impresa colleferina (di proprietà della Regione Lazio) aveva accumulato nei confronti della medesima SAF.

In ultimo, poiché abbiamo sentito e letto innumerevoli fake news sulla sopraelevazione della discarica di Roccasecca, consigliamo di accedere al link regionale, pubblico e aperto a tutti, dove sono pubblicati gli atti, i documenti, le relazioni, le comunicazioni e quant’altro relativo al procedimento.

Forse, prima di parlare e scrivere (a vanvera), bisognerebbe informarsi.

Ferentino, lì 16 Febbraio 2019
Associazione CIVIS

3 FEBBRAIO 2019
Comunicato dell’Associazione Civis di Ferentino

Le Linee Guida del Piano di Gestione “dell’ordinaria emergenza” dei Rifiuti: la monnezza va in Ciociaria

Non c’è il nuovo Piano di Gestione dei Rifiuti del Lazio; la Giunta Regionale ha approvato solo le Linee Guida di indirizzo per la redazione del piano, il quale deve essere ancora elaborato, successivamente dovrà essere sottoposto a VAS Valutazione Ambientale Strategica, e poi approvato dal Consiglio Regionale; ci vorrà almeno un anno, e se tutto va bene il provvedimento vedrà la luce all’inizio del 2020.
E così il ritardo rispetto a quanto deliberato dalla stessa Regione nel 2013, diviene di otto lunghissimi anni.

Le Linee Guida licenziate dalla Giunta non sono altro che la presa d’atto e la stabilizzazione “dell’ordinaria emergenza” nella gestione dei rifiuti che ormai è il tratto distintivo della nostra Regione, emergenza dovuta al drammatico ritardo accumulato nella programmazione e nelle scelte di governo del settore, sia politiche che amministrative.

Inutile girarci intorno: il problema è la Capitale che da oltre dieci anni non risolve il problema della gestione dei suoi rifiuti e che da sola produce i due terzi di tutti i rifiuti del Lazio (Link al video).
Oggi le Linee Guida del Piano ci dicono che Roma non solo non è autosufficiente per le discariche, ma anche per gli impianti -TMB o altro- che debbono effettuare l’obbligatorio trattamento dei rifiuti indifferenziati (il sacco nero, per intenderci) prima di essere smaltiti nelle discariche, nelle quali non è più consentito sversare rifiuti “tal quale” fin dal 2005.

E qual è la soluzione della Regione ai problemi di Roma?

Semplice: utilizzare, ancora una volta e sine die, gli impianti delle altre Province del Lazio:
“Con riferimento al fabbisogno di trattamento emerge chiaramente che il deficit già ampiamente segnalato si ripeterà nei prossimi anni, in maggior misura per il mancato ripristino del TMB Salario nel medesimo assetto impiantistico. Pertanto il fabbisogno di trattamento di Roma Capitale non risulta soddisfatto. La scelta che viene proposta è quella, in previsione della modifica dell’intero assetto regionale di trattamento, di non rimettere in esercizio l’impianto come TMB, ma utilizzare l’impiantistica residua della Regione Lazio che, in soccorso di Roma Capitale, può completare il fabbisogno di trattamento (pag.63 e 64 delle Linee Guida).

Ed in particolare di utilizzare gli impianti della Provincia di Frosinone, perché per la SAF di Colfelice: “considerata la quantità autorizzata, l’impianto, teoricamente, potrebbe trattare ancora oltre 150 mila tonnellate di rifiuti” (pag.47 delle Linee Guida).
E per le discariche: “Si evidenzia che in base alle volumetrie attualmente disponibili, alle esigenze di smaltimento dei vari ATO e dell’insufficienza di alcuni ATO, già dall’anno 2020 ci sarà emergenza nell’intera regione in caso di mancate autorizzazioni di nuove volumetrie e nuovi impianti” (pag.68 delle Linee Guida).
Per la discarica di Roccasecca: “Si segnala che nelle more della definizione amministrativa del progetto di sopraelevazione già nel 2019 non vi sarà sufficienza di smaltimento” (pag.75 delle Linee Guida).
Ovvero, la Regione prima esaurisce la discarica a servizio della nostra Provincia con i rifiuti romani, e poi ne impone l’ampliamento.
Insomma, la solidarietà ed il soccorso alla Capitale ci viene imposto, altrimenti anche per noi –avvisa, anzi minaccia la Regione- sarà emergenza e monnezza per strada.

A questo punto non ci resta che inviare una proposta ai Sindaci della Provincia di Frosinone: chiedete, anzi esigete dalla Regione e dal Comune di Roma un ristoro di 30 Euro per ogni tonnellata di rifiuti romani che varca il confine della nostra provincia.
Un esempio viene dalla Regione Emilia Romagna, la quale con una Delibera di Giunta, n.48/2017, impose ad AMA spa di corrispondere un benefit di 20 Euro per ogni tonnellata di rifiuti capitolini trattata presso i loro impianti.
Per la Provincia di Frosinone l’importo di tale benefit equivarrebbe a circa 6 milioni di Euro all’anno che potrebbero -e dovrebbero- essere destinati ai Comuni per potenziare i sistemi di raccolta differenziata ed abbattere i costi della TARI a carico dei cittadini, cruccio di tutti i Sindaci.
In considerazione delle ambasce nelle quali versano tutti i Comuni ciociari, dovute alla carenza di risorse anche per i servizi essenziali, non ci pare una proposta insensata: se proprio dobbiamo sopportare questo peso, almeno che sia risarcito il territorio! Sia chiaro: nessuna compensazione o rinuncia alla tutela della salute, ma esclusivamente il ristoro dell’uso dei nostri impianti e del nostro territorio.

Certo è che l’accoglimento di un’istanza come questa non va semplicemente chiesto alla Regione ma preteso, anche facendo leva, cinicamente, sull’avvicinarsi delle scadenze elettorali di primavera.
Il 5 Febbraio la seduta del Consiglio Regionale è dedicata alla gestione dei rifiuti: potrebbe essere la prima occasione per far valere la posizione della nostra Provincia.
Diversamente, i sindaci dovranno spiegare e comunicare ai cittadini quali concrete iniziative intendono attuare per il loro territorio e per i cittadini. A buon intenditor…..

Ferentino, lì 03 Febbraio 2019
Associazione CIVIS

Associazione NO PROFIT di Ferentino
Tutela Ambientale
civis.ferentino@poste-certificate.it
www.civisferentino.eu
Codice Fiscale Associazione
92071510603
- Tutti i diritti riservati -
- Tutti i diritti riservati -
C.F. 92071510603
C.F. 92071510603
Associazione NO PROFIT di Ferentino
Tutela Ambientale
Torna ai contenuti | Torna al menu